Come iniziare con l’employee experience?

Glickon Blog

Employee experience, un argomento fondamentale per gli HR

Come iniziare con l’employee experience? Si tratta di un argomento molto importante per il settore delle risorse umane. I fattori che compongono l’esperienza del dipendente sono molti: employee engagement, inclusione e diversità, sviluppo della leadership, performance management, etc. Per la scrittura di questo articolo abbiamo preso spunto da un testo di Josh Bersin, visionabile cliccando qui.

Leggi anche: Come costruire la tua employee experience roadmap + template bonus

Oggigiorno le aziende hanno a disposizione molti strumenti tecnologici per analizzare e migliorare l’employee experience, peccato che scarseggi lo strumento più importante: il tempo. Per migliorare l’esperienza dei dipendenti, dunque, è necessario lavorare sul tempo a disposizione. Secondo uno studio, il 59% degli acquirenti di HCM basati su cloud non ha ottenuto i risultati desiderati.

Lavorando con molte aziende, Bersin ha rilevato alcuni touchpoint interessanti per migliorare l’employee experience.

Employee experience: come migliorarla?

Se l’obiettivo è quello di migliorare l’esperienza dei dipendenti, la produttività e il benessere, qual è il modo migliore per lavorare? Vediamo come iniziare con l’employee experience.

Design thinking

È fondamentale avere un approccio empatico con i dipendenti, seguirli, fargli domande, porsi al loro stesso livello. In questo modo sarà possibile conoscere gli aspetti negativi dell’azienda e lavorare per migliorarli.

Leggi anche: Design thinking HR. Progetta la tua experience

Nozioni di base

È importante concentrarsi sui momenti importanti e risolvere eventuali problemi. Onboarding, cambi di lavoro, delocalizzazione. Tutte le piccole cose che hanno una grossa influenza sull’esperienza dei dipendenti. È necessario lavorare inizialmente su questi aspetti e migliorarli.

Leggi anche: Come mappare l’employee journey?

Co-crazione

Ogni possibile soluzione sviluppata deve essere co-creata con altri leader. Ma non solo: è obbligatorio coinvolgere i dipendenti se si vuole migliorarne l’experience. Chi meglio di loro può contribuire al miglioramento dell’azienda?

Scarica: Employee Engagement Survey: 15 domande per crearne una (+ free PDF)

Semplificazione

Nel mondo del business si ha sempre la tendenza a complicarsi la vita. È necessario provare a semplificare, laddove possibile, i processi.

Segmentazione della forza lavoro

È impossibile migliorare l’experience di ogni singolo dipendente contemporaneamente, dunque diventa necessario segmentare la workforce.

Come iniziare con l’employee experience? Alcune strategie

È bene tenere presente che alcune aziende (Southwest Airlines, UPS, T-Mobile…) costruiscono la propria organizzazione intorno al cliente e al dipendente, non intorno alla gerarchia.

Leggi anche: Come Air BnB ha creato un’employee experience straordinaria

Marie Kondo

Le aziende devono imparare a rinunciare alle cose non necessarie e concentrarsi solo su ciò che serve realmente. Come scritto nel libro The life-changing magic of tyding-up di Marie Kondo, se qualcosa è nel tuo armadio da troppo tempo è necessario tirarlo fuori e darlo via.

Metaforicamente parlando, questo processo è utile anche nel reparto HR.

Cosa fare?

I consigli di Bersin per aiutare le persone a capire come iniziare con l’employee experience.

1. Evitare i progetti senza un focus

Secondo Bersin, molte aziende implementano un nuovo sistema senza concentrarsi sulle reali esigenze dei dipendenti. Gli impiegati vogliono qualcosa di semplice.

2. Creare employee personas

Si tratta sostanzialmente di creare l’impiegato ideale.

Leggi anche: Migliorare l’employee retention grazie ai dati: come?

3. Ottimizzazione

Coca Cola ha scoperto che ordinare una nuova carta di credito per ciascun dipendente richiedeva circa 52 passaggi diversi. Il processo è stato semplificato, garantendo un notevole risparmio di tempo.

4. Onboarding

Un’azienda ha raccontato a Bersin di avere un tasso di turnover del primo anno pari al 50%. Numeri impressionanti. Lavorare e migliorare il processo di onboarding è un ottimo touchpoint per avere un’employee experience positiva.

Leggi anche: Tips per una Employee Onboarding Experience di successo

5. People analytics

Per risolvere i problemi di employee experience è necessario analizzare i dati. In questo modo ti sarà possibile ottenere le risposte che stavi cercando da tempo. Coinvolgere il team di People analytics è uno step fondamentale per migliorare l’esperienza dei dipendenti.

Un’azienda intervistata da Bersin ha utilizzato uno strumento ONA per analizzare la produttività dei dipendenti ed ha scoperto alcuni problemi del reparto vendite. Lo strumento di analisi si è rivelato utile al miglioramento dell’experience del reparto vendite.

Leggi anche: ONA: come sfruttare le relazioni informali tra i dipendenti

In conclusione…

È importante ricordare che la customer experience dipende dall’employee experience. Ogni miglioramento della vita lavorativa dei dipendenti giova anche alla soddisfazione dei clienti.

Concludiamo con una frase di Richard Branson che riassume questo concetto egregiamente:

come iniziare con l'employee experience