People Data e People Analytics, gli aspetti da considerare

Glickon Blog

La people analytics è considerata una priorità assoluta.

Se stai cercando un’unica soluzione a tutti i problemi che affliggono la vita professionale, smettila. Le persone sono complicate, le aziende sono complicate e il lavoro è complicato. Ecco perché, in tuo aiuto, esiste la people analytics, in grado di dare un senso a tutto, attraverso i dati. Ecco perché parliamo di people data.

In questo articolo troverai un sistema per trasformare i risultati delle analisi in decisioni reali per gestire al meglio i tuoi dipendenti.

Leggi anche: People analytics: cos’è e perché è un vantaggio per l’azienda?

L’84% dei dirigenti aziendali intervistati sull’argomento ritiene la people analytics una priorità assoluta. Secondo alcuni studi, le aziende con funzioni di people analytics efficaci hanno – su un periodo di tre anni – il 96% di entrate in più rispetto alle aziende che non hanno implementato questa metodologia. Raggiungere questi risultati è possibile grazie ad alcuni fattori, tra cui la governance dei dati, le capacità analitiche, una forza lavoro basata sui dati, la distribuzione scalabile di insights, l’allineamento con il business e la cultura generale dei dati. Oltre a questo, servono anche strumenti e tecnologie adeguate.

Scopri le funzionalità di Glickon per la People Analytics

In effetti, il mercato tecnologico sulla people analytics è particolarmente attivo. In moltissime conferenze HR si parla di strumenti che promettono di utilizzare intelligenza artificiale, apprendimento automatico e molto altro. Quello della people analytics è un mondo ricco di aspetti interessanti: basti pensare alle ONA (Organizational Network Analysis), al natural language processing (NLP), al robotic process automation (RPA)…

Leggi anche:  ONA | Organizational Network Analysis – Chi sono i protagonisti “informali” in azienda?

Esistono alcune complessità da studiare, quando si parla di people data. Ne abbiamo individuate tre, analizziamole insieme.

1: People data. Diverse tipologie

Sarebbe facile descrivere le persone attraverso dati demografici e occupazionali semplici. Le persone, però, non sono tutte uguali. Ognuno ha la sua vita, le sue passioni, le sue capacità. Ognuno ha il suo stato d’animo, il suo livello di salute. Sono tutti fattori che influenzano la vita lavorativa e la produttività.

Le migliori aziende riconoscono questi aspetti e creano un’immagine più olistica dell’intera persona, espandendo i tipi di dati oltre il lavoro e le informazioni demografiche per includere dati sulla salute e il benessere, informazioni esterne sui dipendenti. Sono sfruttati anche i dati geospaziali, ovvero quei dati in grado di comprendere le competenze disponibili in diversi luoghi. Sono dati in grado anche di rispondere alle domande sullo stress e sul coinvolgimento.

2: People data in luoghi diversi

I tipi di dati non convenzionali risiedono in molti luoghi diversi.

Oltre ai tradizionali sondaggi sui dipendenti e ai sistemi di gestione di risorse umane, è possibile estrarre dati da email o da riunioni, fonti pubblicamente disponibili, post su blog e social media…

L’analisi della prestazione può creare avvisi per la sovrapposizione degli obiettivi, individuare i vuoti che richiedono attenzione o suggerire la collaborazione di persone con obiettivi simili. Questo permette alle aziende di affrontare i problemi in modo più efficace.

3: People data in categorie diverse

Le funzionalità che potenziano le applicazioni di analisi delle persone, come identificare i dipendenti ad alto potenziale o affrontare la retention, si riducono ad attività analitiche come raccolta di dati, reporting, analisi e suggerimenti di azioni.

Leggi anche: Employee retention: come migliorarla, secondo la ricerca LinkedIn.

La maggior parte delle aziende ha già sviluppato soluzioni che svolgono queste attività: basti pensare a software di fogli elettronici, strumenti di analisi statistica e soluzioni di visualizzazione dei dati. Inoltre, le nuove soluzioni di analisi delle persone pure-play offrono funzionalità specializzate, come l’analisi della rete organizzativa e l’elaborazione del linguaggio naturale per generare informazioni e tipologie di dati precedentemente non sfruttati.


Un approccio ecosistemico

Come detto all’inizio, non esiste una soluzione unica per tutti i problemi.

Le aziende migliori gestiscono un ecosistema di strumenti per generare approfondimenti e azioni complesse che impattano sul business, riunendo gli strumenti giusti per ciascun problema. Si tratta di strumenti che che hanno capacità e punti di forza unici.

Investimenti

Molte aziende investono tanto nella people analytics piuttosto che in altri reparti. La quantità di investimenti nell’analisi è correlata direttamente a migliori risultati sia aziendali che della forza lavoro.

Leggi anche: Employee experience ROI: cos’è e perché è fondamentale

Secondo una ricerca, oltre il 70% delle aziende ha investito nella creazione di strumenti people analytics nell’ultimo anno. Inoltre, un’azienda su tre ha costruito o migliorato un data warehouse, proprio perché i dati riescono a fornire una serie di risultati affidabili e sicuri su cui lavorare.

In conclusione…

Gli strumenti specifici di cui un’azienda ha bisogno dipendono da vari fattori, fra cui le sfide aziendali, il percorso di analisi e molto altro.

Per separare la fantasia dalla realtà, le aziende hanno bisogno di una guida per navigare nel panorama della people analytics.

Scarica gratuitamente la nostra guida sulla people analytics!