Strategie di Talent Acquisition

Glickon Blog

Le Top 3 strategie per la tua Talent Acquisition del 2019

All’interno del mercato del lavoro, ormai iper competitivo ed interconnesso, i professionisti delle risorse umane devono compiere degli straordinari per mantenere la pipeline dei talenti sempre ben fornita. Attrarre e mantenere i migliori talenti è una priorità importante per un’azienda che vuole essere competitiva (in effetti l’83% dei recruiter manager afferma che la Talent Acquisition è la priorità #1 per la propria azienda).

Che cos’è la Talent Acquisition e in cosa differisce dal recruiting

Il recruiting è uno sforzo tattico a breve termine che ha l’obiettivo di riempire i posti di lavoro lasciati vuoti con candidati attivi. La talent acquisition, di contro, è uno sforzo strategico ed a lungo termine, volto alla ricerca di professionisti qualificati, in grado di portare un chiaro e netto valore aggiunto all’interno del contesto aziendale. Una strategia di Talent Acquisition è progetta per invogliare i professionisti migliori ed i più brillanti a lavorare per la propria azienda, indipendentemente dalle posizioni di lavoro aperte.

La talent acquisition è particolarmente utile per determinate situazioni, tra cui:

Mercati di nicchia: alcune industrie di nicchia come quelle che operano nell’IT, in campo medico, legislativo o nella gestione finanziaria, necessitano di una strategia di talent acquisition per attrarre solo ed esclusivamente i migliori.

Industrie competitive: maggiore è la concorrenza per i migliori talenti, e maggiori sono i compensi ed i benefit offerti dalle società competitor; è chiaro quindi che diventa impattante la qualità della propria strategia di talent acquisition.

Aziende in rapida crescita: un’azienda che sta crescendo più velocemente del normale dovrebbe utilizzare una strategia di talent acquisition lungimirante per ridurre il più possibile il time to hire.

Ruoli di leadership esecutiva: una strategia di talent acquisition aiuta a pianificare l’ingresso e la successione dei nuovi manager.

Strategie di Talent Acquisition

Le migliori strategie di Talent Acquisition per il 2019

Con l’evolversi della tecnologia e del mercato del lavoro, le strategie di Talent Acquisition si evolvono con loro. Ecco una panoramica delle tre principali tendenze e strategie di talent acquisition per il 2019.

  • Raccolta ed utilizzo dei dati per prendere decisioni sull’acquisizione e gestione del talento. Chi si occupa di talent acquisition raramente assume qualcuno con la speranza che poi il dipendente sia realmente performante. Queste decisioni qui, specie quelle che riguardano la talent acquisition, devono essere necessariamente guidate dai dati. L’uso dei dati nel settore HR sta costantemente crescendo, e finalmente in quest’ultimo periodo, si è iniziato a discutere di People Analytics. Software di HR analytics, si stanno già muovendo per misurare metriche a lungo termine come prestazioni e fidelizzazione del dipendente, e per ricreare modelli predittivi, in grado di prevedere, ad esempio, il rischio abbandono del dipendente. Armati di questi dati e di questi strumento di lettura degli stessi, i professionisti HR possono predire il successo futuro dell’azienda sulla base della qualità degli high performer del passato. Come applicarlo nel 2019. Assicurati di monitorare le principali metriche legate al processo di recruiting, in modo da poter analizzare le prestazioni della tua strategia di talent acquisition e tenere traccia delle prestazioni dei nuovi assunti. Inoltre, è possibile provare a svolgere degli A/B test per  ottimizzare la tua candidate journey, le tue landing page, job description, email e molto altro. Ecco alcune domande che dovresti porti:
  • Quanti candidati in più applicano se rimuovo 3 domande?
  • Quanti candidati in più si applicano se all’interno della landing page è presente un video di un dipendente che spiega il lavoro?
  • Qual è il tasso di risposta dei candidati se vengono contatti per telefono o per email?

Infine per sfruttare fino in fondo la potenzialità dei dati, è certamente il caso di dotarsi di software in grado non solo di leggerli ma anche di interpretarli e di ricreare dei modelli predittivi, utili non solo alla propria strategia HR e di business, ma anche per evitare futuri errori e sprechi di budget.

  • Per la tua strategia di talent acquisition, lavora con altri dipartimenti. Ad esempio, pensa a come un direttore marketing può aiutarti con la tua Talent Acquisition. Stampa, card, banner adv, ma anche video branding che mettano in risalto la cultura aziendale o che raccontino un giorno di lavoro all’interno dell’azienda. Inoltre, può aiutarti a dare valore all’organizzazione sui canali social e nei motori di ricerca, come Google. Potrebbe diventare una buona relazione quella tra HR e data scientist per, appunto, riuscire a comprendere come analizzare i dati e come ottenere informazioni utili dagli stessi. Come applicarlo nel 2019. una volta definita la strategia di talent acquisition, evidenzia le aree in cui hai bisogno di aiuto o hai la necessità di ricevere nuove idee. Se ad esempio, hai bisogno di aiuto con l’employer branding, organizza regolari incontri con il team marketing della tua azienda. Se hai bisogno di aiuto per l’analisi dei dati, organizza incontro regolari con il guru dei dati. In alcuni casi invece, la migliore esperienza deriva dal tipo di persone che stai cercando di assumere. Ad esempio, supponiamo che la tua strategia di talent acquisition implichi l’ingaggio di sviluppatori web di alto livello. La prima attività che dovresti fare è quella di parlare con i tuoi web dev top performer interni e capire:
  • Perché a loro piace lavorare all’interno dell’azienda
  • Cosa li attrae dell’azienda stessa
  • Cosa li attirerebbe verso un nuovo ruolo
  • Dove andrebbero a cercare una nuova posizione di lavoro

 

  • Utilizzare l’automation, l’AI e la gamification. Recruiter e responsabili delle risorse umane disporranno di strumenti incredibili per trovare e connettersi con i migliori talenti; questi strumenti, con il tempo, diventeranno sempre più intelligenti. Ad esempio, l’intelligenza artificiale sta rendendo sempre più facile la previsione degli stati comportamentali di candidati e dipendenti. La tecnologia in tal senso può prevedere con quale probabilità un candidato risponde ad un richiesta di contatto oppure sistemi di sourcing intelligence possono tener conto delle performance nella loro attuale azienda oppure della frequenza con cui aggiornano i profili social. Se invece usato correttamente l’automation recruiting è un altro prezioso strumento. L’automation riduce il tempo necessario per esaminare i candidati, aiutando a valutare le competenze trasversali e a ridurre al minimo il pregiudizio umano.  Finché viene utilizzata nel modo corretto, l’automation può far risparmiare molto tempo. La gamification è senz’altro un altro fattore che determinerà le strategie di talent acquisition del 2019. Grazie ad essa infatti è possibile effettuare dei primi screening dei candidati più interessanti e comprendere velocemente le reali conoscenze e skills degli stessi. Come applicare tutto ciò nel 2019. Metti insieme tutti i tuoi strumenti di recruiting: la tua Applicant Tracking System (ATS), il tuo gestionale candidati (CRM), il tuo sistema di onboarding, il tuo career site, etc.. Questi strumenti offrono gli approfondimenti di cui hai veramente bisogno per realizzare le tue strategie di talent acquisition?

Se la risposta è no, o comunque è una risposta incerta, forse è il caso di rivedere tutti i tuoi tool e provare ad approcciarti verso strumenti “smart” in grado di elevare nel breve-medio periodo le tue performance.

Cosa ne pensi di questo articolo? 

Vuoi saperne di più su Gamification ed analisi dei dati? Contattaci