Strategie di employee retention: le migliori 7

Glickon Blog

Strategie di employee retention per servizi e prodotti migliori

Oggigiorno, le persone che formano la tua azienda sono la tua fonte di innovazione. Il ruolo dei leader delle risorse umane è quello di attirare, trattenere e motivare le persone. Le aziende che comprendono questo hanno i migliori prodotti, i migliori servizi e le customer experience più efficace al mondo. Vediamo alcune delle strategie di employee retention, che riteniamo maggiormente performanti.

strategie di employee retention

Leggi anche: Come costruire la tua employee experience roadmap + template bonus


Strategie di employee retention per conservare i dipendenti

Se, come detto poc’anzi, i dipendenti sono la tua fonte di innovazione, è importante trattenerli. Tuttavia, in molti settori, il turnover dei dipendenti è elevato e costoso in termini di tempo, denaro e risorse.

strategie di employee retention

Scopri il nostro hr glossary

 

Secondo la Society of Human Resources Management (SHRM), i costi diretti di sostituzione possono raggiungere il 50-60% del salario annuo di un dipendente. I costi totali del fatturato variano dal 90 al 200% dello stipendio annuale.

Vediamo le 7 strategie di employee retention consigliate dai leader delle Risorse Umane di molteplici settori.


1. Creare diversi modalità di ascolto delle le persone

Questa è una delle strategie di employee retention migliori.

Gli employers di successo raccolgono i feedback dei dipendenti e ascoltano le loro idee. In questo modo si sviluppa una cultura coinvolgente e creativa, in cui ad ognuno viene data una voce.

Un modo per chiedere feedback è farlo attraverso sondaggi sull’employee engagement, fondamentali per comprendere gli atteggiamenti dei dipendenti sul lavoro e il modo in cui vivono l’azienda.

Scarica il nostro template su employee engagement survey!

 

I dipendenti impegnati hanno l’87% di probabilità in meno di lasciare l’azienda in cui lavorano. Sono motivati a raggiungere gli obiettivi aziendali e sono più produttivi.

Ecco alcune domande comuni nei sondaggi. Solitamente viene data la possibilità di classificarle in una scala che va da un minimo di 1 ad un massimo di 5 punti.

  • L’azienda mi motiva a fare più del necessario.
  • Consiglierei questa azienda a parenti o amici in quanto si tratta di un ottimo posto in cui lavorare.
  • Vorrei lavorare per questa azienda per almeno altri due anni.
  • Ho buone opportunità di sviluppo della mia carriera.
  • Ho fiducia nel management dell’azienda.
  • Il mio manager è solito riconoscere e congratularsi con me se un lavoro viene portato a termine nel migliore dei modi.
  • Ho l’autorità per agire e soddisfare le esigenze dei clienti
  • Con quante probabilità lascerai l’azienda nei prossimi mesi?

Ottenuti i dati, dovrai analizzare i risultati. Per quale motivo le persone potrebbero lasciare l’azienda nei prossimi mesi? Lavora sugli aspetti negativi. Per esempio, se il 50% dei dipendenti dichiara che i propri manager non permettono loro di prendere decisioni, prova a creare un programma di formazione per manager.

Se i dipendenti ritengono che la tua leadership senior non sia trasparente, chiedi al tuo CEO di inviare periodicamente una newsletter.

Richiedi una Demo e conosci il nostro prodotto di Employee Engagement. Glickon Employee Experience

2. Offri i vantaggi giusti

Vantaggi e benefici devono essere protagonisti nelle strategie di employee retention. Vantaggi come pranzo gratuito sono ottimi, ma potrebbero esistere benefici più importanti. Offrendo i vantaggi giusti, risparmieresti su una serie di benefici meno importanti e creeresti un’employee experience migliore.

Secondo uno studio di LinkedIn, i dipendenti danno priorità a vantaggi come assistenza sanitaria, PTO e flessibilità. Considera la possibilità di aumentare i benefici in termini di salute e benessere e di offrire più tempo libero ai dipendenti.


3. Fornire opportunità di crescita e sviluppo

Secondo uno studio sull’employee engagement condotto su 6.000 dipendenti, due dei tre principali fattori di fidelizzazione dipendono dalla capacità del management di aiutare a gestire il carico di lavoro del proprio team e di riconoscere la qualità di un buon output. Avere un manager che aiuta i dipendenti a risolvere eventuali problemi lavorativi è un fattore determinante per la soddisfazione complessiva del lavoro. Inutile dire che, in generale, quella del manager è una figura chiave nella soddisfazione dei dipendenti.

Samantha Hammock, Chief Learning Officer di American Express, ritiene che il futuro del lavoro valuterà le capacità di leadership più che mai, di fatti American Express sta investendo sempre di più in leadership e human skills.


4. Come migliorare il lavoro?

Una statistica allarmante: il 43% delle donne altamente qualificate con figli lascia la carriera o si prende una lunga pausa. Molte di queste donne non ritornano dal congedo di maternità perché le loro aziende non offrono ambienti di lavoro flessibili o strutture di assistenza all’infanzia in loco.

Secondo la Children Care of America, il costo medio dell’assistenza all’infanzia è superiore a $9.000 per ciascun bambino e, per genitori single, questo può raggiungere il 37% del reddito familiare. Si tratta di costi in continuo aumento, inaccessibili per molte famiglie.

Patagonia è un’azienda che vede un ritorno degli investimenti in questo ambito. Il 100% delle donne sono ritornate in azienda dopo il congedo di maternità. Inoltre, stimano che il 91% dei loro costi venga recuperato annualmente.

Migliorare questi aspetti sta diventando sempre più un vantaggio per attrarre e trattenere i genitori che lavorano.


5. Interviste

Le aziende spesso eseguono interviste in uscita quando un dipendente se ne va. Tuttavia, raramente incorporano stay interview per migliorare la fidelizzazione. Quest’ultima tipologia di interviste sono conversazioni individuali in cui il manager deve comprendere le priorità del dipendente con cui parla.

Alcune domande popolari:

  • Quali aspetti del tuo lavoro ti rendono ansioso?
  • Possiedi abilità che ritieni non vengano sfruttate?
  • Quali sono le tue aspirazioni? Ti stiamo aiutando a realizzare i tuoi sogni?
  • Hai mai pensato di lasciare la compagnia? Se sì, cosa ti ha fatto pensare di andartene? Perché hai deciso di rimanere?
  • Quali sono le maggiori sfide che devi affrontare? C’è qualcosa che vorresti cambiare del tuo lavoro? Ci sono cose che vorresti cambiare sulla tua squadra?

6. Review dello stipendio

I dipendenti vorranno sempre essere retribuiti in modo equo e competitivo. Una ricerca di Payscale ha rilevato che solo un dipendente su cinque ritiene di essere retribuito abbastanza.

Molti dipendenti abbandonano perché ricevono offerte migliori. È importante considerare che trovare un nuovo dipendente potrebbe costare più che un aumento di stipendio.

Per assicurarti di pagare i dipendenti in modo competitivo, utilizza i dati di terze parti per condurre un audit sulla tua compensazione e confrontare ciò che offri ai tassi di mercato correnti.

È importante eliminare definitivamente il divario retributivo tra sessi e correggere le cause di disparità simili.


7. Integrazione positiva tra lavoro e vita privata

I dipendenti che hanno un equilibrio salutare sono meno stressati e più motivati. È importante anche garantire periodi di pausa bilanciati: questo aiuta i dipendenti a recuperare le energie per tornare a dare il massimo.

Questo include anche la possibilità per i dipendenti di partecipare a conferenze e programmi sullo sviluppo della carriera.


In conclusione…

Queste erano alcune delle migliori strategie di employee retention. Utilizzale al meglio e non dimenticare di poter sempre contare su strumenti utili a velocizzare e standardizzare questi processi.

Scopri il nostro prodotto sull’employee experience