Perché i dipendenti lasciano le aziende?

Glickon Blog

La maggior parte delle cause per cui i dipendenti lasciano le aziende sono sotto gli occhi delle aziende

Perché i dipendenti lasciano le aziende? Per molte ragioni. L’aver scelto di dedicarsi in todo alla propria famiglia oppure perché si ricevono offerte da altre aziende. Insomma, motivazioni molto spesso esterne alla sfera lavorativa. Ecco perché, per un employer, è difficile affrontare queste situazioni.

Leggi anche: Come costruire la tua employee experience roadmap + template bonus

Tuttavia, in realtà, la maggior parte delle cause che spingono una persona ad abbandonare l’azienda per cui lavora sono sotto il controllo del datore di lavoro. In effetti, cultura, luogo e ambiente di lavoro sono fattori che riguardano l’employer.

Il modo migliore per tenersi stretti i dipendenti è avere un continuo contatto con il loro pensiero e le loro sensazioni. Sono contenti del loro lavoro? I loro bisogni di sfida, appartenenza e sviluppo sono soddisfatti? Hanno un dialogo con il capo in termini di problem-solving, feedback, riconoscimenti?

Rimanere in contatto con i dipendenti aiuta a ridurre problemi di retention.

Un consiglio: chiediglielo. Effettuare colloqui su argomenti simili è molto utile. Presta attenzione agli aspetti da migliorare.

Certo, può capitare – anche se raramente – che ai tuoi dipendenti vengano proposte offerte a cui è difficile dire di no. In quel caso, c’è poco da fare. Prova a fare tu della tua azienda un luogo a cui è difficile dire di no. Per capire perché i dipendenti lasciano le aziende occorre focalizzarsi sui 10 step che seguono.

Perché i dipendenti lasciano le aziende? Le cause più comuni

Pessimo rapporto con il capo

Per un dipendente, non è fondamentale essere amico del proprio capo. Tuttavia, è importante che il rapporto con esso sia quantomeno piacevole. Il tempo trascorso insieme è troppo per avere una relazione scomoda.

Essere in pessimi rapporti con il capo ha delle inevitabili conseguenze negative su fattori quali fiducia ed employee engagement. Secondo molte ricerche, un cattivo rapporto con il proprio capo è una delle cause principali per cui i dipendenti lasciano le aziende.

Il lavoro annoia e non è sfidante

È davvero estenuante per un dipendente svegliarsi tutte le mattine con la consapevolezza di passare un’altra giornata in cui la noia è l’emozione protagonista. Trova le passioni dei tuoi dipendenti e lavora su quelle. Assicurati di proporre loro obiettivi sfidanti e mai banali. In questo modo, saranno entusiasti di lavorare per la tua azienda.

Rapporti con i colleghi

Avere colleghi in buoni rapporti fra loro giova non solo ai risultati lavorativi (nei lavori in Team questo è un aspetto molto importante), ma anche all’azienda stessa. Secondo una ricerca svolta da Gallup, uno dei 12 fattori chiave per la felicità dei dipendenti è avere amici in azienda. Cerca di assicurarti che questo accada.

Opportunità di usare le proprie skills

Quando i dipendenti usano le loro skills sul lavoro, provano un senso di orgoglio, realizzazione e fiducia. Cerca di dar loro occasione di mettere alla prova le abilità di cui dispongono. Se non lo fai, troveranno qualcun altro che gliene darà modo. È inoltre fondamentale avere dei percorsi di formazione per permettere ai dipendenti di migliorare le proprie skills.

Contributo

I dipendenti devono avere la certezza di dare il loro contributo per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Falli sentire importanti. In caso contrario, li perderai.

Autonomia

I dipendenti devono anche sentirsi autonomi. La mancanza di percorsi volti a rendere gli impiegati indipendenti li farà andare via dall’azienda.

Fare la differenza

I dipendenti vogliono lasciare il segno, sentirsi protagonisti. Vogliono far parte di qualcosa di grande, di complesso, di ambizioso. Aiuta i dipendenti a capire perché il loro lavoro ha un significato o troveranno qualcuno che lo farà.

Consapevolezza della stabilità finanziaria della propria azienda

Mancanza di vendite, licenziamenti, assunzioni bloccate, turnover dei dipendenti: fattori che creano una forte sensazione di instabilità e di sfiducia.

Gli impiegati devono essere a conoscenza dei cambiamenti che potrebbero verificarsi.

Cultura aziendale

È importante rispondere ad alcune domande per gestire la cultura aziendale: l’azienda rispetta i dipendenti? Fornisce compensi, benefici e vantaggi che lo dimostra? L’ambiente di lavoro favorisce l’employee engagement? Sono proposti eventi ed attività?

I dipendenti apprezzano un luogo di lavoro in cui la comunicazione è trasparente e i dirigenti sono aperti a nuove proposte e idee. La cultura aziendale può trattenere i dipendenti così come allontanarli.

Riconoscimenti

I riconoscimenti sono importanti ma non fondamentali. Attenzione però: questo non è un touchpoint da sottovalutare. Ricevere un apprezzamento e un riconoscimento fa sempre piacere.

Se prevenire è meglio che curare, fai attenzione a questi dieci consigli: i costi di abbandono e di recruiting sono molto elevate. Quindi perché non sforzarsi per tenersi stretti quei talenti che hai cercato tanto a lungo?

Possiamo aiutarti a trattenere i talenti in azienda. Come? Clicca qui