Gamification nel Recruiting

Glickon Blog

La Gamification è quel concetto che utilizza la teoria dei giochi, la meccanica e il design per coinvolgere e motivare le persone a raggiungere i loro obiettivi.

Domino’s Pizza ha lanciato una campagna di gamification, chiamata “Crea e nomina la tua pizza”. Durante questa campagna marketing gli utenti sono stati invitati a creare e a denominare la loro pizza. I partecipanti sono stati premiati con denaro ogni volta che qualcuno acquistava la loro pizza. Il concetto di fondo è che la gamification crea engagement avvicinando gli utenti al brand.

Le aziende generalmente utilizzano il principio del gioco per intensificare l’interesse dei clienti e dei dipendenti nei confronti del brand. In un ambiente ultra competitivo come il digitale, un gran numero di aziende ha incluso una tecnologia di gamification all’interno dei loro portali.

Gamification nel Recruiting

Il grafico mostra la continua crescita della tecnologia game-based applicata alle aziende, rispetto un arco temporale di 10 anni.

Gamification nel recruiting

Il professor Allen Huffcutt della Bradley University, esperto in selezione del personale, ha identificato una serie di problemi con il consueto processo di recruiting. Secondo Huffcutt le domande più frequenti poste dai recruiter durante i colloqui, son ormai conosciute dai candidati e per tale motivo è difficile valutarne le reali competenze.

Ed è proprio in questo momento che la gamification può aiutare. La gamification può essere integrata all’interno del processo di recruiting utilizzando quiz, trivia game e sfide. La gamification personalizza il processo, aggiungendo un elemento indotto da gioco: il divertimento. Il candidato sarà incoraggiato a impegnarsi e a dimostrare il suo vero talento e la sua reale attitudine, ma non solo, è molto più semplice e immediato tirar fuori dal candiato il suo pensiero creativo e la sua abilità in problem solving.

In effetti, Matt Jeffery, vicepresidente di SAP e global head of sourcing and employment brand, ritiene che la gamification sia diffusa, ma mal giudicata, “I professionisti si affrettano a pensare che la gamification sia solo un gioco da aggiungere al processo di recruiting, il che non è del tutto corretto.

Perché la gamification nel recruiting?

Il compito di ogni recruiter è quello di assumere talenti in grado d’incrementare le performance aziendali. Per questo devono assicurarsi che le competenze dei candidati si adattino bene alle esigenze e alla cultura dell’azienda. Quando la gamification viene applicata al processo di recruiting, può offrire anche questa tipologia di vantaggi, ovvero quello di comprendere e analizzare le competenze, ma anche a ridurre il time of hire, questo perché è possibile testare sin da subito le soft skills del candidato e a comprendere in prima battuta le prestazione sul posto di lavoro del candidato fornendogli, appunto, una piattaforma di gaming simulata.

Come pianificare la gamification nel recruiting

L’introduzione di qualsiasi nuova tecnologia o processo comporta dei rischi. Quindi, pianificare qualsiasi gaming legato al processo di recrcuiting, richiede un’analisi adeguata e un monitoraggio costante.

Prima di tutto bisogna considerare gli obiettivi. E’ importante avere degli obiettivi chiari, sul perché abbiamo bisogno della gamification. Ad esempio, è necessario capire se questa tecnologia vogliamo utilizzarla nella strategia di Employer Branding piuttosto che per ingaggiare nuovi candidati.

Coinvolgimento. Il contenuto dovrebbe essere semplice, interattivo e divertente. Sondaggi e valutazione sono alcuni esempi che possono essere utilizzati per aumentare il livello d’interazione con il career site.

Individuare il candidato “giusto”. La gamification ha la capacità d’ingaggiare i candidati e di conseguenza di generare dati. Il dato diretto, informazioni personali e di contatto, ma anche il dato sotto forma di performance e di risultato rispetto al gioco. Appunto il gioco deve essere pensato e progettato in modo da consentire al datore di lavoro di comprendere al meglio il potenziale nuovo dipendente.

Il futuro della Gamification nel recruiting

Recruiting 2020

gamification in recruiting

L’intervista è stata condotta su un campione di 1.050 professionisti sullo stato attuale e sul futuro del recruiting.

>> Ricerca Completa