Employee engagement: metriche e KPIs

Glickon Blog

In che modo rendere felici, impegnati e produttivi i dipendenti ? È la domanda da un milione di dollari che ci poniamo anno dopo anno.

Secondo Gallup , le aziende con forza lavoro altamente coinvolta superano i loro pari del 147%. Gallup ha anche concluso che l’87% dei dipendenti in tutto il mondo non è coinvolto all’interno della propria azienda. Quindi, come fare a sapere se la tua azienda si trova dalla parte “giusta” di tali statistiche? È necessario iniziare a misurare i KPI del coinvolgimento dei dipendenti in modo da poter mantenere in azienda le proprie persone e ridurre il turnover dei dipendenti. Questa non è solo una funzione rivolta al dipartimento delle risorse umane, i migliori team manager misurano la soddisfazione dei dipendenti anche nei loro team.

Ecco i 9 principali KPI sul tema employee engagement:

1. Employee NPS : determinare il punteggio Net Promoter Score dei dipendenti (NPS). Il Net Promoter Score è un metodo sviluppato da Fred Reichheld e spiegato nel suo libro, The Ultimate Question . In poche parole, si basa su una domanda diretta con un punteggio su una scala 0-10. Chiedi al tuo team se consiglierebbero un lavoro presso la tua azienda, ad un amico o un familiare. Migliora l’NPS dei dipendenti e ridurrai il turnover degli stessi mantenendo bassi i costi del lavoro.

2. Assenteismo – Non presentarsi a lavoro è sicuramente un problema per l’azienda e per l’intero processo di coinvolgimento, oltre che l’intera forza lavoro chiamata a ricoprire il lavoro non eseguito. E’ necessario quindi avere delle metriche puntuali sui tassi di assenteismo.

3. Fatturato / fidelizzazione – I dipendenti che non sono felici andranno semplicemente alla ricerca di un luogo in cui poterlo essere. Presta molta attenzione al mandato dei dipendenti che si dimettono. Stai perdendo persone che sono nella tua azienda da molto tempo?

4. Produzione / Redditività  – Molto semplicemente, se i dipendenti non sono coinvolti, la produzione né risentirà. Se le vendite sono lente o la produzione è in calo, considerare il basso coinvolgimento come possibile causa.Tweet: Molto semplicemente, se i dipendenti non sono coinvolti, la prova sarà nel budino. @RhythmSystems http://bit.ly/2k8Irfc

5. Indice di salute dei dipendenti – Questo è interessante. È semplicemente un KPI di “controllo” che ogni dipendente definisce ogni settimana. Ad esempio, condividerò i nostri criteri che possano determinare il carico di lavoro. Se li dividessimo per colore verde e rosso, potremmo avere una situazione simile a questa: Green significa “Bring It On” ovvero il mio carico di lavoro mi permette di gestire più clienti o aiutare un altro consulente. Rosso significa “Ho bisogno di aiuto” o non ho la disponibilità per affrontare altri clienti o progetti in questo momento. Come squadra, è necessario discutere settimanalmente questi criteri e assicurarci che tutti ricevano il supporto di cui hanno bisogno per rimanere impegnati sul lavoro.

6. Valutazione Glassdoor.com – GlassDoor è un sito Web che consente ai dipendenti di scrivere recensioni dei propri datori di lavoro. Le recensioni vengono valutate e le aziende sono classificate da 1 a 5 stelle. Per le organizzazioni più grandi, guardare questa valutazione può fornire informazioni non solo su come si sentono gli attuali dipendenti, ma anche su come si sentono quelli che hanno lasciato. Inoltre, è fantastico sapere cosa viene detto sulla tua organizzazione sul mercato dal punto di vista del recruiting.

7. Giorni di vacanza utilizzati – In superficie, il valore di questa misurazione potrebbe non sembrare molto perspicace; tuttavia, un sano equilibrio tra lavoro e vita privata favorisce il coinvolgimento dei dipendenti. Ad esempio, le persone non si sentono a proprio agio nel prendersi del tempo libero? Sono così sovraccarichi che una vacanza non è possibile?  Se le persone non utilizzano i giorni di ferie, di solito c’è un motivo.

8. Tasso di fallimento del nuovo assunto (in 90 giorni) – L’impegno è un mindset. Tuttavia, i dipendenti possono impegnarsi se dotati degli strumenti e della formazione adeguati. Se i nuovi assunti lasciano nei primi 90 giorni, o non è stata compiuta la giusta assunzione, o il processo di onboarding non li ha coinvolti abbastanza.

9. Felicità del cliente – Questa segue la logica secondo cui i dipendenti felici equivalgono ai clienti felici. Misura il punteggio NPS del cliente. Se è basso, considera il possibile impatto del basso coinvolgimento dei dipendenti sulla felicità dei clienti. Il basso coinvolgimento dei clienti è spesso un segno di basso coinvolgimento dei dipendenti.

Leggi anche: Employee engagement: cos’è e perché è fondamentale