Chi è e di cosa si occupa il Chief Employee Experience Officer

Glickon Blog

Chief Employee Experience Officer (CEEO)

Il ruolo versatile del Chief Employee Experience Officer (CEEO) è la dimostrazione del cambiamento che stanno attraverso le risorse umane, ormai divenute dei partner strategici e commerciali. I professionisti del settore HR non attendono più passivamente i segnali positivi e/o negativi che provengono dalla forza lavoro, ma vivono proattivamente i cambiamenti, cercando di anticiparli, elaborando delle strategie data-driven che possano impattare strategicamente sul benessere produttivo e in termini di fatturato sull’intera azienda.

Il Chief Employee Experience Officer (CEEO) è il principale architetto e ingegnere di un’efficace strategia di Employee Experience. 

Il titolo CEEO ha guadagnato vigore quando, nel 2015, il direttore delle risorse umane di Airbnb, Mark Levy, ha rinominato il suo ruolo diventando il nuovo Chief Employee Experience Officer.

La disciplina richiede una serie di competenze, dall’analisi dei dati aziendali alle comunicazioni rivolte ai dipendenti, tutto sotto il cappello della tecnologia HR.

CHRO vs CPO vs CEEO

Mentre il ruolo più tradizionale di Chief Human Resources Officer (CHRO) appartiene ad un’epoca in cui la gestione ha privilegiato regole e processi standard, e la funzione di Chief People Officer (CPO) si è sempre più concentrata sul restyling di programmi obsoleti di acquisizione e di fidelizzazione dei talenti, il CEEO al contrario, allarga la portata e va a coprire l’intero ciclo di vita dei dipendenti.

Se la tendenza nelle strategie HR è quella di immettere all’interno di un Employee Experience Journey le persone che compongono un’azienda, il ruolo del CEEO oggi è quello di rendere il journey il più ricco possibile di esperienze positive, con lo scopo di migliorare il lavoro dei dipendenti e di conseguenza la produttività e il fatturato dell’azienda.

Scopri il nostro prodotto sull’employee experience

Di cosa si occupa il CEEO?

L’obiettivo del responsabile Employee Experience è quello di costruire una roadmap delle esperienze. Il CEEO deve essere in grado di comunicare con i dipartimenti, dall’IT al Finance, passando per il Marketing e applicare un pensiero progettuale in grado di innovare e migliorare l’intero processo lavorativo.

Approfondimento: Come costruire la tua Employee Experience Roadmap + template bonus

Le sfide del CEEO

Una delle caratteristiche fondamentali è la capacità di utilizzo della tecnologia e dei Big Data per creare una Employee Experience positiva.

Approfondimento: Employee Experience positiva = maggiore produttività, più fatturato

L’analista HR Josh Bersin, ha affermato che il principale compito di un Chief Employee Experience Officer è sapere cosa rende i dipendenti produttivi sul posto di lavoro, assicurandosi che abbiano tutti gli strumenti per garantire un costante livello di produttività.

La sfida per il CEEO è la traduzione dei dati in analisi e quindi in strategie

Dannal Charney del Centro Innovazione MaRS Discovery District ha enfatizzato il ruolo della tecnologia come componente in grado di trasformare il professionista HR in architetto dell’employee experience.

Immaginiamo di utilizzare i dati per personalizzare e per creare esperienze Wow intorno all’apprendimento personale e ai percorsi di carriera che corrispondono realmente agli interessi dei dipendenti. Questo quanto affermato da Charney.

Che impatto può avere un’efficace Employee Experience sulla produttività e sul fatturato di un’azienda? ⬇

Scarica il Report “The Financial Impact of a Positive Employee Experience” by Globoforce & IBM