Candidate Experience best practices

Glickon Blog

Best practices per migliorare la Candidate Experience

Il processo di assunzione non è più un momento unilaterale dove il protagonista è solo il candidato. Le aziende in tal senso stanno compiendo notevoli investimenti nella speranza non solo di migliorare la candidate experience ma anche di trovare il talento più brillante in grado di adattarsi alla propria cultura aziendale. All’interno del processo di recruiting, la candidate experience impatta anche sull‘employer branding e sulla cultura aziendale.

Approfondimento: Candidate Experience. Cos’è, come definirla e come migliorarla

Migliorare la candidate experience aggiunge un valore significativo alla tua azienda. Il processo di assunzione è la prima esposizione della tua azienda nei confronti dell’esterno. Proprio come i candidati cercano di impressionare il recruiter durante un’intervista, le richieste e il processo di assunzione dovrebbero impressionare i candidati . In definitiva, una corretta candidate experience è una brillante tattica di marketing per qualsiasi azienda.

Candidate Experience best practices

Mettiti nei loro panni

Il processo di assunzione dovrebbe essere centrato sul candidato. Bisogna assicurarsi che il candidato comprenda pienamente il processo, che deve essere diretto e onesto;  cosa più importante, è necessario che i candidati sappiano di essere sempre ascoltati in ogni step del recruiting funnel. Mettetevi nei loro panni, se il candidato non ha un quadro completo dell’azienda, sarà impossibile comprendere appieno come sarà il lavoro che dovrà svolgere, non avrà chiara la struttura aziendale e il contesto in cui verrà inserito.

Approfondimento: Candidate Experience. Cos’è, come definirla e come migliorarla

Comunica con i candidati

Il 71% dei candidati ha dichiarato ha dichiarato di condividere le proprie esperienze di selezione in maniera pubblica. Al giorno d’oggi, la maggior parte delle procedure di recruiting e di application sono digitali; per tale motivo non ci sono più scuse per non far sapere al candidato che, ad esempio, non ha ottenuto quel determinato posto di lavoro. Rispondere in maniera reattiva in fase di assunzione dimostra che la tua azienda apprezza lo sforzo e soprattutto l’interesse da parte del candidato.

Approfondimento: Strategie di Talent Acquisition

Utilizzare le valutazione pre-assunzione per fornire un feedback al candidato

Mentre lo scopo principale delle valutazioni di pre-assunzione è quello di prevedere le future prestazioni del candidato sul posto di lavoro, le aziende possono aggiungere valore alla candidate experience fornendo dei feedback al candidato. Questi ultimi aiutano gli stessi a capire i loro punti di forza e di debolezza e a come utilizzare le loro competenze per avere successo nella pianificazione della propria carriera.

Fornire un feedback non solo migliora la candidate experience, ma ne accentua il coinvolgimento e può generare preziosi referral per il tuo business

Approfondimento: Come misurare la Candidate Experience

Chiedi un feedback al candidato

Costruire un processo di assunzione efficace è un compito impegnativo e in continua evoluzione e ottimizzazione. Dopo la fase recruiting, chiedi un feedback al candidato. Questa attività ti permette di avere un’assistenza a lungo termine e dei consigli utili per migliorare la candidate experience.

Candidate Experience best practices. Conclusioni

La candidate experience è una priorità. Un’esperienza positiva si traduce in una migliore brand advocay, in candidati soddisfatti, in riduzione dei tassi abbandono in fase recruiting, in riduzione del time to hire e in definitiva in dipendenti più ingaggiati.

Approfondimento: Vuoi sapere quanto costa il disimpegno di un dipendente?

Definendo chiaramente quale sia il percorso ottimale della propria candidate experience si potrà generare valore per l’azienda.

Per saperne di più sulla Candidate Experience e su come può stimolare la crescita aziendale, clicca qui.