'A chat with...Gi Group - Glickon Blog

A chat with…Gi Group

Glickon Blog

Nome: Progetto Scuole

Sfida: Candidate Experience, gamification e mappatura delle competenze

Target: GenZ

Obiettivi: mappare, attrarre, divertire e coinvolgere i candidati


Siamo al quinto appuntamento di “A Chat with“, la nostra rubrica dedicata ai nostri partner e ai loro progetti di successo in ambito HR. Oggi abbiamo intervistato due professioniste ed esperte in candidate experience di Gi Group; Nicoletta Bressa, Candidate Management Manager e Ivana Lilliu, Candidate Management Specialist. Ci racconteranno il “Progetto Scuole” realizzato su tutto il territorio italiano che ha visto il coinvolgimento di Glickon nella gamification e nella mappatura delle competenze.

Buona lettura!

A chat with… Ivana Lilliu, Candidate Management Specialist, Gi Group

 

Ivana Lilliu | Candidate Management Specialist, Gi Group
Ivana Lilliu | Candidate Management Specialist, Gi Group

 

Puoi descrivere come è stato strutturato il Progetto Scuole e quale è stato il ruolo di Glickon come piattaforma Candidate Experience? 

Il Progetto è partito dall’esigenza di posizionarci anche all’interno delle Scuole come esperti e fare da collante con il mondo del lavoro, fornire ai ragazzi un valido supporto affinchè potessero sviluppare maggiore consapevolezza su ciò che il mercato richiede e come intercettare le opportunità più in linea con il loro percorso di studi.

Siamo partiti da una ricerca interna di quello che Gi Group ha fatto in questo ambito negli ultimi anni indagando in particolare sui seguenti fattori:

1) Quali temi vengono maggiormente apprezzati dagli studenti?

2) Quali sono le esigenze principali che esprimono i Professori per i loro ragazzi?

3) Benchmark di quello fatto dagli altri competitors nelle Scuole.

Partendo dalle risposte a queste domande abbiamo strutturato il Progetto Scuole ingaggiando un tool che potesse essere innovativo e ingaggiante. Una volta individuato Glickon come tool in linea con le nostre esigenze siamo partiti inizialmente con un Pilot sperimentando l’utilizzo del gaming a scuola negli eventi con un numero elevato di candidati, questo ci ha portato ad avere un riscontro positivo lato studenti e lato professori, nonchè richieste per altre attività con l’utilizzo di questo strumento.  Il Pilot ha portato a dei risultati positivi e da qui la decisione di confermare il suo utilizzo in tutte le attività di Orientamento previste nelle Scuole. Abbiamo voluto inserire negli eventi che realizziamo a scuola un elemento di valore che ci potesse differenziare dai competitors, che potenziasse l’engagement dei candidati e che facilitasse il ricordo dell’esperienza di orientamento avuta con Gi Group.

Parliamo dei partecipanti al Progetto Scuole. Che tipologia di feedback avete raccolto dai ragazzi che hanno partecipato ai live game? Come definiresti la loro esperienza?

I ragazzi hanno apprezzato la modalità innovativa all’interno del percorso di orientamento; si sono cimentati a giocare con entusiasmo, curiosità e intraprendenza. Durante e dopo il gioco hanno interagito tra di loro affrontando i temi contenuti nel gaming. Questa modalità gli ha permesso di acquisire informazioni utili per sul mondo del lavoro e ha dato modo a noi di intervenire su dei temi che non sempre vengono facilmente acquisiti.

Ultimato l’iter di progetto, come pensate di sfruttare l’ingaggio di tutti i partecipanti all’evento?

Gli steps successivi sono strutturati nelle seguenti fasi: contatto telefonico, incontro de visu per valutazione Cv, disponibilità ad eventuali opportunità lavorative, verifica opportunità aperte in linea con il loro profilo. L’obiettivo è quello di ingaggiare dei potenziali candidati da inserire in un processo di selezione per posizioni in linea con il loro percorso di studi.


A chat with… Nicoletta Bressa, Candidate Management Manager, Gi Group

 

Nicoletta Bressa | Candidate Management Manager, Gi Group

 

Il Progetto Scuole ha avuto un target ben specifico: la Gen-Z. Quali sono, a tuo avviso, le strategie più efficaci per attrarre e tenere ingaggiati dei giovani talenti e consentirgli di vivere una candidate experience coinvolgente?

Per poter costruire delle strategie efficaci di attraction e retention abbiamo condotto una survey su un campione di 2.000 giovani tra i 18 e i 34 anni statisticamente significativo per:

  • fascia di età
  • sesso
  • area geografica  ( Campione fornito da Doxa) .

Dall’indagine è emerso che la parola che i giovani associano principalmente al lavoro è indipendenza. Il lavoro è visto come la strada per ottenere indipendenza (24,2%), stabilità (15,7%) e sicurezza (11,6%) attraverso il guadagno (13,5%), ma viene anche sottolineato come il lavoro sia un impegno (15,4%) che può dare soddisfazione (11,%%).

In particolare i giovani della GenZ cosa valutano per entrare in azienda?

  • Bell’ambiente di lavoro
  • Buon work-life balance
  • Experience

E cosa li fa restare in azienda?

  • Buona paga
  • Bell’ambiente di lavoro
  • Buon work-life balance

A fronte di queste indicazioni per attrarre i talenti utilizziamo un modello comunicativo che possa dare evidenza degli aspetti rappresentativi dell’azienda ( persone, cultura..) attraverso i canali web che social. Entrare in contatto con i candidati con strumenti tecnologici diventa fondamentale, sia per comunicare con il loro linguaggio ( in particolare con video ) sia per ingaggiarli da subito.

Quale valore aggiunto può dare Glickon come strumento HR in un processo di Candidate Experience per battere la concorrenza?

Il modello di ingaggio dei candidati è immediato e divertente. Questo ci permette di parlare di argomenti seri come la ricerca di lavoro, le soft skills mantenendo il livello di attenzione alto e il coinvolgimento costante. Anche le scuole e i docenti si sono dimostrati interessati ad un nuovo modo per coinvolgere i ragazzi rispetto ai temi dell’orientamento e questo ci ha permesso in alcuni casi di accreditarci presso alcuni istituti con cui non avevamo mai collaborato.

Macchina del tempo e siamo al recruiting del futuro. Quali tecnologie impatteranno maggiormente su un processo di selezione? E come potranno effettivamente migliorarlo?

La tecnologia sarà un supporto fondamentale ai processi di selezione ottimizzando le attività come l’apply, lo screening e la valutazione delle conoscenze. I supporti informatici dovranno aiutare il candidato nel processo di selezione e allo stesso tempo permettere al recuiter di ottimizzare i tempi al fine di dedicare sempre più tempo di valore al candidato. La tecnologia avrà un impatto rilevante anche per l’orientamento e il reskilling dei candidati che sempre di più potranno essere guidati in processi di miglioramento continuo rispetto ai cambiamenti del mondo del lavoro grazie al supporto di piattaforme on line.

Prenota la tua demo e scopri come puoi utilizzare Glickon per migliorare il tuo processo di Candidate Experience